By / 22nd December, 2014 / News / No Comments

A esattamente 5 minuti da noi, al km 269, 400 della Via Aurelia direzione Bolgheri si trova questa splendida oasi dove potete emozionarvi e divertirti a osservare dai vari punti di osservazione creati dentro l’oasi tantissimi volatili e mammiferi. Gia’ solo percorrendo la prima parte di strada che porta alla palude guardatevi intorno , daini, conigli o cinghiali possono essere li nel prato immenso a osservarvi.

La storia di quest’oasi risale al 1959 quando  Mario Incisa della Rocchetta decise di trasformare la sua riserva di caccia agli uccelli acquatici, costituita da circa 80 ettari di palude d’acqua dolce e circondata da bosco, prati umidi, incolti, pascoli e coltivi, nella prima oasi faunistica privata italiana.

ll Rifugio Faunistico di Bolgheri, si estende per circa 513 ettari mantenendo l’aspetto originario della costa maremmana, ossia alternanza di coltivi e siepi alberate a cui seguono prati allagati durante la stagione invernale.

Tantissimi sono le specie che potrete vedere e che vi lasceranno incantati. Rimanete in silenzio e ascoltate i suoni di questi animali e osservate i loro voli. Come dei semplici osservatori .. osservatori della natura e dei paesaggi pieni di colori che vi troverete intorno, ad ogni angolo della vostra visuale.

Lasciate a casa i pensieri ed immergetevi in questa bella esperienza. Non vorrete piu’ andarvene da questo paradiso di colori, acqua, riflessi e animali.

Airone, germani reali, Fischione, Canapiglia, Codone, Mestolone, sono solo alcuni delle specie che potete osservar durante la vostra visita. In primavera invece potete notare numerose specie di uccelli trampolieri: la Pittima reale, il Combattente, il Totano moro, la Pettegola, il Piro-piro boschereccio, il Cavaliere d’Italia e l’Avocetta l’Airone rosso e tantissmi altri! Una bella notizia, dal 2008 l’Oasi ospita una coppia nidificante di Cicogna bianca, tornata a nidificare in alta Maremma dopo un’assenza di circa 200 anni.

Tra i mammiferi oltre ai daini, Cinghiali, l’Istrici e Volpi si segnalano Caprioli e Faine.

Anche d’estate e’ possibile visitare l’oasi ma in un ‘atmosfera particolare: la sera. La visita prevede aperitivo in spiaggia e giro nella palude con solo le lucciole a farvi luce.

Ingresso Oasi:

SP 39 Vecchia Aurelia, km 269,400

57022 Castagneto Carducci

L’Oasi è aperta da novembre ad aprile, con prenotazione obbligatoria, il sabato e la domenica, con due turni di visita, alle ore 09:30 e alle ore 14:00.

Periodo di visita: dal 1 ottobre al 31 maggio.

Nei mesi di giugno e luglio sono previste uscite serali e notturne a tema.

La prenotazione è sempre obbligatoria.

 

Consigli

Abbigliamento comodo, calzature idonee, binocolo e macchina fotografica carica :-)

e-mail: bolgheri@wwf.it

cell. 338.4141698 – 389.9578763


Leave a Comment